Altre considerazioni, sempre sulle mucche

Altre considerazioni, sempre sulle mucche

Ad ogni litro di latte prodotto corrispondono 35 litri di gas metano che, per flatulenza o eruttazione, vengono liberati nell’atmosfera. La notizia arriva da alcuni scienziati inglesi secondo i quali nell’arco di una giornata ogni mucca produce tra i 500 ed i 600 litri di metano. Nella sola Gran Bretagna contribuiscono per il 3% all’emissione di gas serra. La causa dell’insolito fenomeno è dovuto al sistema digestivo dei ruminanti. Il cibo, l’erba nella fattispecie, deve essere masticato e triturato in continuazione dalle mucche.

Bisognerebbe quindi cambiare le abitudini alimentari dei bovini, consolidate oramai da millenni, o adottare soluzioni alternative. Qualche anno fa dall’Australia arrivò la notizia che alcuni scienziati avevano elaborato un vaccino particolare. Il bersaglio del vaccino erano tre specie di microbi che nel tratto digerente dei bovini sono responsabili della produzione di metano, per effetto della loro azione di fissazione dell’azoto. Altra soluzione potrebbe essere quella di somministrare ai bovini sostanze che possano aggirare il problema. Ma forse la soluzione migliore sarebbe quella di ridurre gli allevamenti intensivi e di consumare meno carne. Così i cereali destinati all’allevamento potrebbero essere impiegati non per nutrire i capi di bestiame ma per sfamare il Terzo Mondo.”

torna a: PAGINA INDICE SULL’ALIMENTAZIONE

Annunci